lunedì, Maggio 27, 2024
spot_img
spot_img

I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

ARTICOLI CORRELATI

Nola, sfascia pronto soccorso con spranga e ferisce infermiere e guardie

NOLA – Una notte da incubo all’ospedale di Nola. Alle 4 del mattino il parente di una paziente pretendeva di entrare nella Obi (Osservazione breve intensiva) del “Santa Maria della Pietà” per fare visita alla congiunta: al diniego da parte del personale di vigilanza è uscito fuori, si è procurato una spranga di ferro e ha distrutto tutto quello che gli capitava a tiro nel pronto soccorso. Lo rende noto ‘Nessuno tocchi Ippocrate’, il gruppo Fb che denuncia le continue aggressioni agli operatori sanitari. Si sono sentite urla e richieste di aiuto provenire dai locali del triage e del codice verde. A terra la guardia giurata aggredita e picchiata da un soggetto entrato con la forza inveendo contro il personale sanitario.  L’infermiere di turno è stato colpito da diverse schegge mentre due guardie giurate sono rimaste ferite nella colluttazione. L’uomo si è poi dileguato e alle 4:30 circa è arrivata una volante della polizia.

LE REAZIONI – La direzione strategica dell’Asl Napoli 3 Sud ha stigmatizzato l’ennesimo episodio di violenza avvenuto durante il turno notturno nel pronto soccorso. Il direttore generale dell’Asl Napoli 3 Sud Giuseppe Russo ha già manifestato l’intenzione di costituire l’azienda parte civile nel procedimento giudiziario relativo all’episodio. “Non è più accettabile – afferma il manager che persone intente a svolgere un lavoro, di per sé già particolarmente delicato, debbano essere esposte continuamente alla paura di essere aggredite da soggetti cui manca anche il più elementare senso di civiltà. Auspichiamo una maggiore vicinanza di tutte le istituzioni preposte per garantire condizioni di lavoro adeguate per offrire un’assistenza sanitaria all’altezza delle aspettative di tutti i cittadini”. Il presidente dell’associazione nazionale guardie particolari giurate, Giuseppe Alviti, ha sottolineato “con urgenza di aver richiesto udienza al Prefetto di Napoli per essere escusso in merito alle tutele e garanzie da prestare alle guardie giurate in servizio ai pronto soccorso prima che scappi il morto in servizio”.  Secondo il deputato Francesco Emilio Borrelli “la tragedia è dietro l’angolo, eppure il Governo non ha mantenuto le promesse fatte per arginare le aggressioni e aumentare i fondi per il servizio”.

 

Print Friendly, PDF & Email

I PIÙ POPOLARI

This site is protected by wp-copyrightpro.com