Noleggiavano auto per fare le rapine, tre rapinatori ‘geniali’ arrestati dai carabinieri

POLLENA TROCCHIA- Dalla provincia di Brescia arrivavano a Pisa per compiere rapine. E per farle noleggiavano, in un’agenzia vicina all’aeroporto toscano, auto che poi sarebbero state regolarmente riconsegnate, ma dopo l’ultimo colpo i carabinieri li hanno identificati e arrestati: in manette sono finiti due uomini ed una donna. L’arresto dei tre, reso noto oggi, e’ avvenuto il 27 maggio: nello stesso giorno avevano portato a termine una rapina nella filiale del Banco popolare di Filettole (Pisa), la stessa banca dove avevano compiuto un colpo dieci giorni prima. Quando i carabinieri sono risaliti all’agenzia di noleggio i rapinatori avevano appena telefonato per comunicare la restituzione della vettura usata per la rapina e per prenotarne un’altra di maggiore cilindrata. In manette sono finiti Daniele De Rosa, 31 anni di Nocera Inferiore (Salerno), Roberto Palumbo, 30 anni di Pollena Trocchia (Napoli) ed Elisa Lonardi, 27 anni di Desenzano del Garda (Brescia), quest’ultima ha gia’ ammesso le sue responsabilita’ e riferito che i due uomini dopo le rapine assumevano cocaina. Nella rapina di Filettole uno di loro ha minacciato con un taglierino i dipendenti e si e’ fatto consegnare 6.500 euro in contanti. Poi il bandito e’ uscito e ha raggiunto il complice che lo attendeva nell’ auto che si e’ allontanata in direzione di Pisa. Alcuni testimoni hanno pero’ annotato il numero di targa, anche perche’ durante la fuga i malviventi si sono disfatti di una mazzetta-civetta di denaro provocando sconcerto e cuoriosita’ tra i passanti. Le indagini dei carabinieri hanno permesso di risalire ben presto all’agenzia di autonoleggio che riferiva di avere affittato l’Alfa Romeno Mito nera a una donna che avrebbe dovuto riconsegnarla gia’ da una settimana: proprio mentre gli investigatori erano nell’ufficio, i titolari hanno ricevuto una telefonata da un uomo che comunicava la restituzione dell’auto in serata per noleggiarne un’altra di cilindrata piu’ grossa. Gli accertamenti hanno permesso di appurare anche che i tre rapinatori avevano compiuto dieci giorni prima un’altra rapina presso la stessa banca: questa volta gli impiegati avevano consegnato 8.500 euro in contanti. Le due rapine erano state compiute da De Rosa e Palumbo, mentre compito della donna era quello di fare da palo. I tre sono stati rinchiusi nel carcere al Don Bosco di Pisa.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com