Festa dei Gigli, le paranze “assolte” dai ritardi. Niente sanzioni, verifiche sul frastuono

di Bianca Bianco

NOLA- Sanzioni alle paranze, è ancora presto per dire se ci saranno multe per le violazioni verificatesi nel corso della processione. Sebbene l’orientamento di Fondazione e Comune sia comunque positivo, si dovrà ragionare su quanto di eventualmente irregolare è accaduto nella ballata. Lo spiega il presidente della Fondazione Raffaele Soprano: “Dopo la fine della festa, tra qualche giorno, ci riuniremo per valutare l’andamento della manifestazione nel suo complesso e la possibilità di multare chi ha sbagliato”. Ma sembra improbabile che scatteranno ammende: “Si sono verificati dei ritardi- ammette Soprano- ma causati da imprevisti come la rottura delle varre che ha ostacolato la processione di una macchina per circa un’ora. Questa è una festa che non può essere ingabbiata, le regole ci sono e vanno rispettate ma bisogna tenere conto pure della sua imprevedibilità”. Forse potrebbero scattare invece multe per le emissioni sonore. Un ingegnere fonico ha seguito la festa e presenterà una relazione, perché sull’aspetto acustico l’ente non transige. E così pure il direttore artistico De Simone, che proprio della musica ad alto volume si è molto lamentato.

Il sindaco Biancardi, dal canto suo, promuove la festa a pieni voti: “Questa fondazione ha lavorato in poco tempo, è stato un esperimento riuscito. Le regole sono state rispettate”.

Approfondimenti sulla festa dei gigli nel prossimo numero di Sette in edicola venerdì 28 giugno. 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online