giovedì, Aprile 18, 2024
spot_imgspot_img
spot_img

I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

ARTICOLI CORRELATI

Festa dei Gigli, ma cosa mi urli? Lo sfogo di un lettore del giornalelocale.it

NOLA- Festa dei Gigli: ma che mi urli? Una lettrice ci scrive (chiedendo di tutelare la sua privacy perché, si sa, a Nola puoi toccare tutto ma non la festa) lamentandosi del chiasso di questi giorni. Musica fino a notte inoltrata, residenti che non riescono a chiudere occhio, nolani che devono andare a lavoro (oppure a sostenere esami, come in questi giorni di Maturità). La nostra lettrice chiede come il regolamento, molto restrittivo proprio in tema di inquinamento acustico, tuteli anche chi non festeggia fino a notte inoltrata e subisce il frastuono della festa.

Spettabile redazione, innanzitutto grazie per le informazioni in tempo reale che fornite agli utenti e complimenti per la professionalità che traspare dalle vostre notizie, volevo porvi un quesito se potreste soddisfare questa mia curiosità: nel regolamento per la festa dei gigli è prevista una tutela per i cittadini che quotidianamente devono svegliarsi presto per andare al lavoro? Ma che nel frattempo devono obbligatoriamente sopportare pseudo spettacoli con musica a tutto volume sotto i gigli fermi nelle piazze? Capisco l’amore per la festa, ma non posso tollerare questa mancanza di rispetto, per me è un segno di estrema inciviltà, non oserei pensare di abolirla, ma adottare volumi più bassi e comunque terminare l’ambaradan ad un orario più decente, restituirebbe dignità non solo alla festa, a quest’ora non si accenna minimamente a terminare, e comunque la mia sveglia domattina, o meglio stamattina suonerà alle cinque e mezzo e molti ragazzi dovranno sostenere la seconda prova dell’esame di stato. Mi scuso per essermi dilungata, forse più che cercare risposte alla mia curiosità, è stato uno sfogo dovuto alla stanchezza e inoltre vi scrivo in privato per evitare di esporre la mia immagine perchè è noto che per i nolani un commento (lamentela) del genere è oltraggioso per i gigli e per San Paolino (che a mio avviso poco c’entra con tutta la “festa”).

Print Friendly, PDF & Email

I PIÙ POPOLARI

This site is protected by wp-copyrightpro.com