Gigli nella lista Unesco, i 4 sindaci dal ministro Bray. Paolo Russo: “Così dimentichiamo le Cassandre”

unescoNOLA- Le città della “Rete delle Macchina a spalla” saranno ospiti, attraverso i loro rappresentanti istituzionali, presso il Ministero dei Beni culturali. Sabato 14 dicembre i sindaci di Nola, Viterbo, Sassari e Palmi saranno accolti dal ministro Massimo Bray per discutere delle nuove prospettive delle rispettive feste religiose dopo avere raggiunto il riconoscimento Unesco lo scorso 3 dicembre. Con questo primo summit presso il Mibac, si potranno mettere le basi alle iniziative future ma soprattutto chiarire come dall’Unesco possono arrivare concreti risvolti per le quattro comunità.

Lo afferma anche il deputato di Forza Italia Paolo Russo: “Insieme con le altre città, sotto l’egida del ministero per i Beni Culturali e sostenuti dalla nostra Regione, con quelle calabra, laziale e sarda, dobbiamo programmare un percorso di valorizzazione che renda le quattro feste sinergiche e moltiplicatrici di risultati in termini di turismo ed attrazione culturale”.

“Adesso che il sigillo è cosa fatta- continua-  pensiamo alle cose da fare, a cominciare dalla tutela degli aspetti culturali, antropologici e religiosi che hanno consentito a Nola di ottenere l’ambito riconoscimento. Quel che occorre, infatti, è rilanciare l’aspetto sociale e solidarista di questa festa unica e poi trarne, senza timori mercatisti, i legittimi vantaggi”.

Infine una stoccata: “Sarà il modo migliore per dimenticare anche le cassandre che, fino a pochi giorni prima del conferimento a Baku del sigillo blu, hanno continuato a spedire a destra e a manca improbabili quanto inutili e perfino anonimi dossier e ridicole email che hanno ottenuto il solo risultato di far verificare parola per parola come quegli scritti fossero intrisi di oggettive falsità e soggettive frustrazioni”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online