venerdì, Marzo 1, 2024
spot_imgspot_img

I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

ARTICOLI CORRELATI

Nola, l’inchiesta choc del Fatto Quotidiano: monumenti e scavi nel degrado, si pensa solo ai Gigli-VIDEO

fattoquotidiano_nola

NOLA- “Sono anni che campiamo di speranze” dice amareggiato un cittadino intervistato in Corso Vitale a Nola. Le telecamere sono quelle del Fatto quotidiano, che coi giornalisti Nello Trocchia ed Andrea Postiglione ha realizzato una videoinchiesta sui comuni al voto occupandosi di Nola. Un servizio che rappresenta in maniera lampante e scoraggiante una delle problematiche più urgenti di Nola, l’abbandono ed il degrado dei suoi beni culturali. Ciceroni del Fatto quotidiano sono l’archeologo Flavio Castaldo ed il sindacalista Salvatore Velardi, che illustrano tappa per tappa le condizioni del patrimonio storico archeologico cittadino. Da Castelcicala al Villaggio dell’età del bronzo, dall’anfiteatro ai diversi scavi effettuati nel corso degli ultimi decenni, il quadro che emerge è impietoso.

La falda sommerge il Villaggio, l’abusivismo ha soffocato l’Anfiteatro, l’incuria ha devastato piazza d’Armi, la mancanza di politiche e lungimiranza ha annullato lo sviluppo di zone importanti come Castelcicala. Lo spreco delle risorse disponibili ha fatto il resto. Non c’è nulla su cui puntare, l’abbandono dei beni culturali di Nola è generalizzato e sottolineato dalle interviste ai cittadini. Che sanno che grande tesoro storico e culturale ha Nola, ma sanno pure a quali livelli di povertà culturale e degrado si è arrivati nel giro di pochi decenni.

“A Nola non mancano i monumenti- scrivono Trocchia e Postiglione- ma la volontà di recuperarli e renderli fruibili al pubblico”. I cittadini sono invece i critici più spietati: “Qui si pensa solo e soltanto alla festa dei Gigli- commenta uno seduto ad un bar di piazza Duomo. “La colpa è della politica – dice un altro – ma comunque io andrò a votare nella speranza che qualcosa possa cambiare. Il problema è che noi stiamo campando da troppo tempo di speranza”. L’immagine più scioccante la dà però l’archeologo Castaldo commentando l’incuria in si trovano scavi e monumenti: “La cosa brutta è che tutto questo non meraviglia più”. 

Il video del Fatto Quotidiano (clicca sul link per vederlo)

Print Friendly, PDF & Email

I PIÙ POPOLARI

This site is protected by wp-copyrightpro.com