Dossena e i bei giorni passati: “Maglia del Liverpool prestigiosa. Non dovevo lasciare Napoli”

di Claudio Agave (Maidirecalcio.com)

Andrea Dossena è attualmente uno dei tanti svincolati di lusso che, appunto, non sono riusciti a trovare squadra per questa prima parte di stagione. Il terzino ha concesso un’intervista a Gianlucadimarzio.com per parlare della sua condizione lavorativa ma, specialmente, del suo glorioso passato negli anni scorsi.

Dossena infatti si concentra principalmente sulle esperienze avute ad Anfield con il Liverpool e al San Paolo con il Napoli, spiegando il perché di alcune scelte personali che ne hanno inevitabilmente minato la carriera. Ecco tutte le parole proferite da Dossena: Il mio futuro? Ho ricevuto diverse proposte, soprattutto da squadre estere o di serie B. Sondano la mia disponibilità, io manifesto entusiasmo ma poi spariscono. L’esperienza al Sunderland? A due giorni dalla chiusura dello scorso mercato estivo dovevo andare al Torino, ma un infortunio bloccò tutto. A quel punto accettai il Sunderland convinto da Di Canio, allora allenatore. Dopo tre settimane, però, lui fu esonerato e chi lo sostituì (Poyet, ndr) fece scelte diverse. Liverpool? Solo oggi mi rendo conto di quanto sia stato prestigioso indossare quella maglia e vivere quell’esperienza, che mi ha fatto maturare tanto. In quel periodo non sono riuscito a godermi del tutto quello che mi stava accadendo, forse perché era la mia prima volta all’estero. Ero scombussolato da una cultura del lavoro totalmente diversa dalla nostra. Benitez, nonostante fosse spagnolo, perseguiva già da anni modelli di allenamenti inglesi. L’anno prima del mio arrivo il Liverpool giocò la finale di Champions (persa col Milan, ndr). Quando andavamo a giocare contro le grandi squadre, per esempio a Madrid, era tutto normale. L’obiettivo era vincere dappertutto. Solo a Napoli, successivamente, mi resi conto di quanto fosse duro per il club azzurro non disputare sempre incontri così prestigiosi. A proposito di Napoli, il mio futuro era già segnato, sapevo di non rimanere indipendentemente da Mazzarri o Benitez. A gennaio, quando accettai Palermo, Bigon mi disse che il Napoli cedendomi avrebbe fatto altri investimenti e che per me non ci sarebbe stato più spazio. Io volevo giocare a tutti i costi, e accettai Palermo perché c’erano altre premesse. Sarei stato il primo di una campagna acquisti che avrebbe permesso ai rosanero di salvarsi, invece la squadra scese in B ed io fui costretto a tornare a Napoli. In Sicilia ero felice, ma quando retrocedemmo non ebbi alcuna possibilità di restare a Palermo. Se avessi fatto scelte diverse, forse oggi sarei ancora in Serie A. Mi spiego: quando fui ceduto il Napoli lottava per restare in Champions e ai vertici del calcio italiano. Bigon mi disse che una riserva come me avrebbe fatto comodo, ma il mio orgoglio era tanto e tale da spingermi ad accettare Palermo pur di avere la possibilità di giocare”.

fonte: https://www.maidirecalcio.com/2014/10/16/dossena-e-i-bei-giorni-passati-maglia-del-liverpool-prestigiosa-non-dovevo-lasciare-napoli.html

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com