Fuoco e acqua flagellano l’Irpinia, super lavoro per i vigili del fuoco

AVELLINO –  Una giornata campale. I vigili del fuoco di Avellino, e delle cinque sedi distaccate, sono stati impegnati in mattinata, per i soliti incendi di bosco e di sterpaglie, con situazioni critiche a Teora, dove in contrada Gallo sono andati a fuoco più di venti ettari tra bosco e sterpaglie, e dove la squadra del distaccamento di Lioni ha dovuto lavorare diverse ore per avere la meglio sulle fiamme. Anche a Bagnoli Irpino, il fuoco era arrivato in prossimità di alcune abitazioni; anche in questo caso le fiamme sono state spente e messo in sicurezza l’area. Mentre a Conza della Campania, in contrada Occhino, sempre un incendio di sterpaglie ha minacciato una sottostazione del Gas, e grazie al pronto intervento sempre della squadra del distaccamento di Lioni si è scongiurato il Peggio. La squadra del distaccamento di Bisaccia, è dovuta intervenire sull’autostrada A 16 Napoli – Canosa, nel territorio del comune di Flumeri, al chiolemtro 89,300, sulla corsia in direzione Napoli, per un grosso incendio di sterpaglie a bordo strada. In questo caso i fumi dell’incendio hanno messo a rischio la circolazione stradale; ci sono volute diverse ore per portare la situazione sotto controllo.  Sempre in mattinata la squadra del distaccamento di Grottaminarda è intervenuta a Villanova del Battista, per un incendio che ha interessato un capannone. L’incendio è stato spento e messo in sicurezza la struttura.Mentre nel primo pomeriggio si è passati dal fuoco all’acqua, infatti la provincia irpina, a macchia di leopardo,  è stata oggetto di vere e proprie bombe d’acqua, dove in casi come Montefalcione, Rotondi, San Martino Valle Caudina,  hanno provocato diversi allagamenti. In città, nel Serinese,  ad Atripalda e Castelfranci, il forte vento ha sradicato diversi alberi e fatto cadere rami sulla sede stradale.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online