Balli, recite e canzoni a Mariglianella: gli alunni del Carducci raccontano l’orrore della Shoah

Nella “Giornata della Memoria”, il 27 gennaio, l’istituto comprensivo “G. Carducci” di Mariglianella prova a raccontare l’orrore tragico della Shoah. Con una manifestazione collettiva, che vedrà protagonisti gli alunni della Secondaria di Primo Grado, ragazzi e insegnanti, a partire dalle ore 18, nei locali scolastici del plesso di via Torino 10, rievocheranno i drammatici momenti di quella notte della storia. Recitando, cantando e suonando, declamando, gli studenti ripercorreranno, insieme ai presenti, le storie di chi, bambino o adolescente come loro, si è visto negare la possibilità di vivere con spensieratezza la sua giovane età. Sarà dunque non solo un tempo propizio per commemorare la più grande tragedia del Novecento, ma anche un modo per esercitare l’empatia, provando così a immedesimarsi nel dolore indicibile di chi, pur avendolo vissuto in prima persona, è stato poi capace di raccontare quel disumano sterminio.

La serata del 27 avrà, infine, il suo naturale seguito nell’incontro-dibattito di sabato 1° febbraio alle ore 10, quando alunni, docenti e famiglie potranno confrontarsi con Ugo Foà, capo della comunità ebraica di Roma e testimone della segregazione razziale in Italia. Ospiti della tavola rotonda saranno, inoltre, la giornalista Antonella Laudisi de’ Il Mattino e don Francesco Iannone, direttore dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Nola.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online