sabato, Giugno 15, 2024
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

ARTICOLI CORRELATI

Nola, “Gluten Free”: il mondo della celiachia e le eccellenze del territorio

Una giornata dedicata alla prevenzione, all’informazione ed alla conoscenza della celiachia, seguita dall’assaggio di piatti e prodotti tipici del territorio campano. Un evento che è riuscito a promuovere e valorizzare le eccellenze del Nolano. “Senza Glutine – un mondo a portata di mano” la manifestazione organizzata da Aic (Associazione italiana celiachiae) in collaborazione con l’associazione “Radici” in piazza Duomo a Nola è stato un momento di connessione tra enti, istituzioni, associazioni e produttori. Una “road map” per muoversi nel delicato e complesso mondo della celiachia e cercare di favorire l’identificazione e la diagnosi certa di un segmento di popolazione che non è mai stato diagnosticato. Per questo a Nola è stato possibile fare uno screening con la presenza di un laboratorio di analisi e una consulenza gratuita per i presenti. Dibattiti e approfondimenti tematici con i tanti ospiti presenti che hanno fatto da cornice a show cooking e degustazioni, con abbinamenti e preparazioni caratteristiche preparati dall’associazione cuochi italiani Torre Annunziata-Striano-Nola e dell’istituto alberghiero “Medici” di Ottaviano come pasta con i “pomodorini del Piennolo”, riso con i piselli 100 giorni del presidio Slow Food o come le empanadas fritte, la pizza “Fiocco” per terminare il percorso culinario con i dolci rigorosamente senza glutine. Un format che coniuga informazione e qualità che sarà riproposto anche a Cicciano. “Il mondo dell’enogastronomia e del turismo locale devono rappresentare il volano per lo sviluppo socio economico del nostro territorio. Dobbiamo promuovere e valorizzare le nostre eccellenze e supportare i nostri giovani per rilanciare il loro futuro qui. Ma è necessario trasmettergli l’impegno, la passione e la dedizione che da sempre hanno contraddistinto il modus operandi dei nostri padri” dice Paolo D’Arienzo, vicepresidente dell’associazione “Radici” e “anima” dell’evento nel salotto cittadino nolano. “Gli eventi di street food possono essere un’occasione per stabilire la giusta connessione tra giovani e territorio, ma nel contempo, devono essere per tutti al fine di condividere valori e prospettive”. (foto di Pino Galasso)

Print Friendly, PDF & Email

I PIÙ POPOLARI

This site is protected by wp-copyrightpro.com