sabato, Giugno 15, 2024
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

ARTICOLI CORRELATI

Ercolano, turista olandese sfregia con “firma” pareti domus Scavi

Turista olandese “firma” le pareti di una domus romana nel Parco archeologico di Ercolano scampata al Vesuvio. E’ successo nella serata di domenica quando, prima il personale di vigilanza e i carabinieri poi, sono stati allertati per lo sfregio. Un 27enne olandese, in vacanza in Campania, ha deciso di lasciare un segno del suo passaggio, vergando con un pennarello gli antichi stucchi di una dimora strappata alle ceneri del Vesuvio. Una firma, con un marker nero, di quelli indelebili. L’uomo è stato immediatamente identificato e denunciato per danneggiamento e imbrattamento di opere artistiche.

LE PAROLE DEL MINISTRO – “Ancora una volta i nostri beni culturali sono vittime dell’inciviltà e dell’idiozia. Solo qualche settimana fa, la facciata del Palazzo Reale della Reggia di Caserta era stata imbrattata con la vernice. Ieri è toccato a una domus romana del Parco archeologico di Ercolano, sfregiata da un turista con un pennarello indelebile. Ogni danno è una ferita al nostro patrimonio, alla nostra bellezza e alla nostra identità ed è per questo che va sanzionato con la massima fermezza. Ringrazio i Carabinieri per avere subito identificato e denunciato l’autore di questo vile gesto. Ricordo, inoltre, che grazie alla legge da me fortemente voluta questo soggetto dovrà anche pagare di tasca propria i lavori di ripristino dell’opera”. Lo ha dichiarato il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano.

LA RABBIA DEL SINDACO – Quello di cui si è reso protagonista il turista olandese è un atto vergognoso, è un affronto non solo alla nostra Ercolano e alla nostra storia, ma anche a tutta l’umanità. Chi commette tali gesti non ha alcun rispetto per la cultura e il valore inestimabile del nostro parco archeologico. È inaccettabile che qualcuno possa pensare di poter venire qui e distruggere ciò che è patrimonio di tutti. Un grazie di cuore al personale di vigilanza del Parco e ai Carabinieri che sono intervenuti identificando e denunciando il 27enne che ora dovrà finanziare il restauro del muro della Domus”. È quanto dichiara Ciro Buonajuto, sindaco di Ercolano e Vicepresidente Nazionale di Anci, commentando quanto avvenuto all’interno del Parco Archeologico di Ercolano, dove un turista ha lasciato la propria ‘firma’ sulle pareti di una domus.

Print Friendly, PDF & Email

I PIÙ POPOLARI

This site is protected by wp-copyrightpro.com