Com’è difficile tornare a Nola: la prima mail di un lettore al GiornaleLocale

Scrivi al direttore. E’ dalla notte della stampa, più o meno ai tempi di Gutemberg, che i lettori vogliono e devono chiedere ai giornali, a chi li scrive, a chi li edita, un aiuto. Per i problemi più disparati. C’era una volta la rubrica di Donna Letizia (pseudonimo di Colette Rosselli, giornalista e consorte di Indro Montanelli) che negli anni Cinquanta impartiva lezioni di galateo alle signore ed ai signori dalle colonne di “Grazia”. Poi sono arrivate le “lettere alla redazione”  per segnalare di tutto, dalla caditoia intasata alla pensione che non arriva, dalla difficoltà di vivere di chi affronta l’handicap alle piccole vicissitudini d’amore di un adolescente. I giornali sono anche questo, un grande generoso contenitore di notizie e risposte. Noi non vogliamo sottrarci a questo ruolo, e non dimenticare la voce dei nostri lettori. Quelli che piano piano ci conosceranno, quelli che ci conoscono grazie a precedenti esperienze editoriali, quelli che ci conosceranno. Per questo riceviamo con piacere e pubblichiamo, la nostra prima “lettera al direttore”, arrivata in tempi record sulla appena battezzata posta del GiornaleLocale.it. Alle 13,15 è il signor Michele Vecchione, persona nota ai giornalisti nolani, nolano doc che vive in provincia di Frosinone, ad inaugurare il nostro spazio mail ancora da riempire, con una segnalazione che facciamo nostra e contemporaneamente vostra, che riguarda le difficoltà di collegamento coi mezzi pubblici per raggiungere Nola. Ecco la sua segnalazione, mentre ricordiamo a tutti gli altri la nostra mail per contattarci: redazione@ilgiornalelocale.it o direttore@ilgiornalelocale.it .

 

Gentilissimo Signor Direttore, La ringrazio per quanto sta facendo e farà

per informare i cittadini Nolani (furastier) e colgo l’occasione di segnalarLe

le difficoltà che incontrano tanti di noi per arrivare a Nola con i mezzi

pubblici (Trenitalia-Circumvesuviana-ecc.) tutto questo per il fatto che pur avendo

la linea FS Caserta-Salerno e viceversa, la stessa non viene sfruttata al

massimo; pur avendo da alcuni anni il doppio binario(noi di una certa età

la ricordiamo a binario unico). Perciò, proprio in virtù del doppio binario tra Caserta e Salerno,bisogna fare forti pressioni su Trenitalia-Divisione Passeggeri Nazionali di Roma, la quale

è deputata a fornire servizi ferroviari a lunga percorrenza(Nord/Sud e

viceversa); nonchè sulla Regione Campania-Assessorato alla Mobilità; ed infine agli Enti

Locali interessati al percorso. Tutto questo, si deve fare al più presto perchè l’Agro Nolano è pieno di Arte; Cultura; Musica;Storia;Tradizioni;Folklore ed altro; in primis “LA FESTA ETERNA” che

Proprio questo anno avrà il riconoscimento da parte dell’UNESCO, come:”BENE IMMATERIALE

DELL’UMANITA'”; poi abbiamo: Le Basiliche Paleo-Cristiane di Cimitile; I Siti

Archeologici di Nola(La Pompei del 2000 A.C.); I Carnevali di Palma Campania e Saviano e

chi più ne ha più ne mette. Solo per il momento è tutto. Per la più ampia diffusione/divulgazione. GRAZIE. Cordiali saluti. W NOLA e L’AGRO NOLANO

Michele Vecchione(Nolano)

Alatri(Fr)

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com