Il Tattico Molesto – Sassuolo Bologna, il derby più atteso

di Domenico Silvestro (Maidirecalcio.com)

Non esistono partite belle e partite brutte. Il campionato italiano è considerato da molti tra i più difficili al mondo ma anche tra i più tattici ed incentrati sulla difesa. Il bel calcio, nonostante tutto, è presente ovunque ed anche le partite  più noiose nascondono segreti e verità davvero stupefacenti. Ogni giornata di campionato ci regala partite apparentemente senza emozioni: pensate che in questi match regnerà la noia? Siete convinti che i tifosi dovranno cercare le vere emozioni giocando a Ruzzle sui loro smartphone? Vi sbagliate! Il Tattico Molesto vi mostrerà il vero volto di queste gare, convincendo anche i più scettici  ad incollarsi al televisore in barba ai giornalisti che vi suggeriscono di cercare il bel calcio altrove. Per questa puntata abbiamo voluto scegliere il derby più atteso, la partita per cui una regione intera si ferma e trattiene il fiato: Sassuolo Bologna.

Il Presidente del Sassuolo Squinzi, dopo aver vinto la Serie B a mani basse, aveva annunciato di voler puntare subito al doppio successo: “E che ci vuole, in Serie A ci sono anche meno squadre!”.  Da grande esperto di calcio, ha deciso di acquistare giocatori di categoria per poter sorprendere tutti e vincere il campionato: sono arrivati in Emilia Floro Flores, Ziegler, Marrone e Rossini, con il beneplacito diPreziosi, Garrone e Agnelli. I tre Presidenti, distrutti dalla sofferenza causata dalle prestigiose cessioni, hanno deciso di indire 20 giorni di festeggiamenti no-stop con balli di gruppo, champagne e  gara di limbo. Strutturata una rosa competitiva, Squinzi ha deciso di confermare mister Di Francesco: considerato da tutti un veroZemaniano a causa della fedelissima riproposizione della fase difensiva del boemo, l’ex giocatore della Roma punta su un reparto arretrato di tutto rispetto. L’incoscienza giovanile del classe ’77 Bianco, la raffinata tecnica di Acerbi e la spinta inesauribile sulle fasce di Longhi e Gazzola, rende la retroguardia nero-verde tra le più temibili di tutta Europa: il  compito principale del pacchetto difensivo è diilludere gli avversari permettendo loro di segnare più gol possibile, facendogli quindi abbassare la guardia e colpirli  nel  momento migliore. Per il momento la strategia è “work in progress” ma bisogna dire che attualmente la prima fase riesce davvero benissimo. Si attende uno stadio caldissimo a Reggio Emilia: ben 12 tifosidel Sassuolo renderanno la curva un vero inferno, supportati da 24 bambini grecitifosi del Panathinaikos ingannati dal verde delle maglie e 3 ultras bolognesi che si sono prodigati per pietà all’organizzazione di qualche coro.

Pioli è consapevole dello spessore dell’avversario ed, in vista del derby, ha deciso di motivare i suoi giocatori esaltando i loro punti di forza. Dopo due ore di tentativi, il mister ha deciso di cambiare strategia a causa di mancanza di argomenti: dire aGarics “Possiamo sfondare sulla destra grazie alla tua velocità!” oppure aChristodoulopoulos “Le tue finte ubriacanti non daranno pace agli avversari” non è sembrato abbastanza credibile, ed ha avuto come unico esito un mare di lacrime ed un tentativo di addio al calcio. Per fortuna è rimasto Diamanti! Grazie alle giocate del trequartista della nazionale le partite dei rosso-blu possono sempre cambiare da un momento all’altro, così come per gli anticipi a vuoto di Antonsson. Il capitano si è detto fiero di essere il leader del Bologna: sono tra l’altro state smentite le voci secondo cui il toscano sarebbe stato scomunicato da Papa Francesco in seguito alle presunte blasfemie urlate in diretta nazionale ad ogni stop di Morleo. Nonostante il non brillante inizio di campionato, chi rimane con il morale a mille è il bomberMoscardelli: contro il Sassuolo si candida ad un posto da titolare, seppur insidiato dal pericolosissimo Cristaldo; ha vinto insieme a Konè un torneo di coppia a Fifa 14sfruttando il fatto che gli avversari in finale giocassero con il Napoli ; la sua barba è diventata patrimonio dell’UNESCO. Per quanto riguarda il mercato, il d.s. bolognesesi è detto soddisfatto del suo operato: “Con la cessione di Taider la squadra è al top. Con una rosa così competitiva non voglio più sentire parlare di salvezza“. Pioli si è trovato quantomai d’accordo: “Il d.s. Polenta ha ragione, sarà molto difficilie parlare di salvezza….“. L’Emilia-Romagna inizia a tremare: il derby più atteso d’Italia è pronto a cominciare. Buon divertimento a tutti!

fonte: https://www.maidirecalcio.com/2013/10/18/il-tattico-molesto-sassuolo-bologna-il-derby-piu-atteso.html

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online