Amianto in cava di Tufino, gli atti arrivano in Commissione Antimafia

Giuseppe De Cristofaro

Giuseppe De Cristofaro

TUFINO- Amianto nella cava di Tufino, gli atti arrivano in Commissione antimafia. Ieri la pubblicazione dell’articolo del giornalelocale.it sull’apertura di un fascicolo di indagine da parte della Procura di Nola, oggi la risposta del senatore De Cristofaro di Sel, componente della Commissione che sulla vicenda è stato informato dal Comitato Salute ed Ambiente e dal Sinistra ecologia e libertà area nolana.

“Apprendiamo con grande soddisfazione la notizia dell’apertura di un fascicolo di indagine da parte della Procura di Nola sulla vicenda degli sversamenti di amianto in alcune cave del territorio nolano, e segnatamente a Tufino- afferma il senatore De Cristofaro.  La Procura di Nola avvia le indagini in coordinamento con quella di Avellino che segue l’inchiesta nata dalle dichiarazioni di un ex operaio della Isochimica riguardo al trattamento e allo smaltimento dell’amianto.

De Cristofaro sottolinea la gravità della situazione ma anche l’importanza della nuova indagine: “Qui, non dimentichiamolo mai, ci sono le morti dei lavoratori, ci sono le loro sofferenze, qui si avvelena un territorio e con esso potenzialmente chi lo abita. È un fatto gravissimo, ed è un fatto centrale l’indagine congiunta delle Procure perché si faccia chiarezza e si diano delle risposte. Che serva a capire le responsabilità di una vera e propria tragedia”. Il senatore ribadisce infine l’impegno di Sinistra Ecologia e Libertà a seguire il caso: “Da parte nostra ci sarà tutto l’impegno e la collaborazione possibili con le istituzioni, ma un ruolo altrettanto importante lo avranno le associazioni e i comitati territoriali che hanno alimentato quella coscienza ecologica che dovrebbe guidare le decisioni di tutti”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com