Forno crematorio a Roccarainola, Comune sospende bando di gara

Defunti senza pace a Roccarainola dove in questi giorni è rovente la polemica sull’eventuale forno crematorio da realizzare proprio in zona cimitero. Il Comune ha indetto nelle scorse settimane una gara d’appalto per la realizzazione dell’impianto per la cremazione dei defunti che ha fatto scoppiare un violento scontro tra i rappresentati di maggioranza e opposizione in piazza e nell’arena dei social network. Il progetto era già stato già proposto nella passata legislatura e poi fermato per problemi con la ditta che doveva realizzarlo, dopo le denunce dell’ex consigliere comunale Nicola Bifulco. In città è anche nato un comitato spontaneo “No forno crematorio” che ha raccolto firme (anche dai paesi confinanti) per cercare di fermare la decisione presa dalla giunta guidata dal sindaco Giuseppe Russo. Un pressing asfissiante che ha costretto l’esecutivo, martedì 17 settembre, a sospendere con una determina la sua decisione e a proporre la formazione di un tavolo tecnico insieme anche ai rappresentanti del comitato spontaneo e dell’Arpac, oltre a commissionare uno studio all’Università Federico II di Napoli per verificare l’impatto ambientale dell’impianto. Da vedere cosa succederà nelle settimane a venire in un clima sempre più infuocato. I morti a Roccarainola proprio non riescono a riposare. (Nello Lauro Il Mattino)

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com