Rione Fellino, ecco il derby col Casamarciano. De Sarno: gara non decisiva

SAN PAOLO BEL SITO (Saverio Quatrano) – La seconda giornata di ritorno del campionato di Prima Categoria girone E propone l’atteso derby Rione Fellino-Casamarciano. La gara d’andata si concluse con la vittoria della squadra di Casamarciano e nella sfida del comunale di San Paolo Bel Sito la formazione di mister De Sarno vorrà vendicare la sconfitta dell’andata. In classifica il Casamarciano è quinto con 33 punti, con il Rione Fellino che insegue con due punti di ritardo. A parlare a poche ora dal derby è il mister del Rione Fellino Antonio De Sarno, che preferisce alleggerire la vigilia del match non caricando di eccessive pressioni i suoi ragazzi : “Col Casamarciano gara importante, ma non decisiva”.

Quali sono i punti di forza del Casamarciano?

“Il Casamarciano è una delle squadre più compatte del campionato. Ha  dei giocatori di grande esperienza in questa categoria: è una squadra difficile da penetrare ed il loro punto di forza può essere sicuramente la cattiveria agonistica”.

Come arriva il Rione Fellino a questa partita?

“Noi arriviamo a questa gara sicuramente in ripresa da un punto di vista fisico: veniamo da due risultati utili consecutivi. Arriviamo a questo match con tutti gli effettivi disponibili e quindi credo che dovrò fare le scelte giuste. Ma tutto questo può essere solamente un fattore positivo: in una squadra è importante avere la giusta competizione, soprattutto se si vogliono raggiungere dei traguardi importanti”.

Quanto pensi sia importante questa partita per la corsa play off?

“Credo che questa partita possa essere importante per il proseguo del campionato, ma di certo non sarà decisiva. Il campionato è ancora molto lungo, dopo questo match ci saranno altri scontri difficili e non sarà questa la gara che determinerà il nostro futuro. Questa gara ha sicuramente il suo fascino, ma ci arriviamo tranquilli: abbiamo voglia di far bene. Noi non dobbiamo guardare agli avversari, sappiamo che il nostro destino dipenderà soprattutto da come saremo in grado di gestire le partite”.

 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online