Sud al palo, il 16% delle famiglie non arriva a fine mese

Il 16% delle famiglie del Mezzogiorno non ce la fa ad arrivare alla fine del mese, la stessa percentuale registrata nel trimestre precedente ed il doppio esatto della quota rilevata al nord (8%). Lo rileva Confesercenti nell’indice sulla solidità economica delle famiglie di ottobre che rileva un’Italia a tre velocità: nord fuori dalla crisi, centro che prova a ripartire, mentre il sud è ancora al palo. A ottobre l’indice Sef Confesercenti Swg, che misura su una scala da 1 a 100 la Solidità Economica ‘percepita’ dalle famiglie italiane, sale a quota 58, con un balzo di due punti su luglio e segnando il valore più alto da dicembre 2013. L’opinione pubblica percepisce dunque il trend positivo ma non è così per tutta l’Italia. “C’è un miglioramento percepibile – analizza Confesercenti – ma la lunga crisi economica ha approfondito le distanze tra le macro aree del Paese. Le famiglie delle regioni meridionali, in particolare, fanno fatica ad uscire dalle difficoltà, recependo dopo e più debolmente delle altre i segnali di ripresa. Da questo punto di vista è apprezzabile il piano straordinario di interventi previsto per il Mezzogiorno nella Legge di Stabilità: ma in passato ce ne sono stati altri, rivelatisi alla fine quasi tutti inefficaci. Dobbiamo cambiare passo: ora serve un approccio strutturale, che favorisca le attività, come quelle commerciali, turistiche e culturali, che non possono delocalizzare”. (adnkronos)

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com